Il materasso viscoelastico per dormire meglio

di InsiemeGroane
materasso viscoelastico

Il materasso viscoelastico è un particolare tipo di materasso che viene da lontano. La sua tecnologia, ovvero ciò che lo rende speciale, risale agli anni ’60. In quel periodo gli Stati Uniti, impegnati nella ricerca astronautica, lavoravano ad un programma della Nasa con l’obiettivo di esplorare lo Spazio. Non pensavano che così facendo, avrebbero migliorato anche la vita qui sulla Terra. Non sospettavano che, anni dopo, questa schiuma poliuretanica ci sarebbe stata famigliare in casa, in macchina, e perfino nelle nostre scarpe sportive. Essa è ampiamente utilizzata in vari settori ed è soprattutto presente quando si parla di cura della persona e di riposo. In quest’ultimo caso, questa schiuma viene associata ad altre tipologie di imbottiture, al fine di ottenere il materasso vero e proprio.

Il materiale viscoelastico o memory foam

La schiuma poliuretanica, chiamata più semplicemente materiale viscoelastico e memory foam in inglese, ha due caratteristiche essenziali: è automodellante ma non si deforma, perché termosensibile. Ciò significa che, se presente nel materasso, gli permette di adattarsi al nostro corpo durante il sonno trovando l’equilibrio giusto con la nostra temperatura, per fargli riprendere al risveglio, la sua forma originaria.

È come se questa schiuma avesse la capacità di memorizzare la mappa precisa del nostro corpo e infatti è proprio questa la traduzione letterale del termine inglese, ovvero “schiuma con memoria”.

Perché scegliere il materasso viscoelastico

Quello che in molti già credevano, oggi lo dice anche la scienza: dormire meglio ci fa bene. Svegliarsi riposati e freschi è quello che ci vuole per vivere la giornata, sia essa lavorativa o di studio, al massimo delle nostre potenzialità. Un materasso viscoelastico, è capace di sostenere la colonna vertebrale perché ne distende la pressione, rilasciando il peso del corpo in modo costante e soprattutto uniforme.

La schiuma, inoltre, è estremamente traspirante quindi si suda di meno perché durante il sonno l’aria tra il corpo stesso e il materasso, circola meglio. Inoltre, essendo un materiale adattabile, il viscoelastico favorisce una migliora circolazione del sangue in tutto il corpo. Svegliarsi senza formicolii o sudori improvvisi e con la certezza di aver scaricato con successo lo stress della giornata, non sono esperienze occasionali con questo tipo di materassi.

Dal punto sanitario, essi tengono lontani gli acari e sono completamente sfoderabili per una corretta e periodica sanificazione. Nascono per vivere circa 10 anni e poi andrebbero cambiati. Sono la scelta giusta in ogni caso e particolarmente adatti in situazioni di lunga degenza a letto e dove ci siano patologie in essere, perché evitano l’insorgenza di piaghe da decubito.